Bella Zoilo in crisi Il caso finisce in Parlamento

COGOLLO. L´on. Sbrollini incontra i lavoratori

tratto da il Giornale di Vicenza, mercoledì 26 settembre 2012 PROVINCIA, pagina 27

L´on. Daniela Sbrollini fra i lavoratori di Bella Zoilo. S.D.C.

«Porterò il vostro caso a Roma per chiedere chiarimenti sul futuro e l´attivazione tempestiva della cassa integrazione tramite il ministero del lavoro». L´onorevole Daniela Sbollini del Pd ha preso questo impegno dopo aver incontrato nei giorni scorsi la sessantina di lavoratori della Bella Zoilo che si trovano di fronte ad un futuro nebuloso in seguito al crac finanziario che ha investito la nota società cogollese del comparto alimentare, attiva dal 1969.
Durante l´incontro, a cui hanno partecipato anche i sindacalisti di Filcams Cgil e il sindaco Riccardo Calgaro, la parlamentare ha ribadito la necessità di dialogo tra le parti: «Il silenzio della proprietà – che non ha voluto riceverla – è sconfortante, e non riguarda solo me, ma anche e soprattutto lavoratori e sindacati che sono ulteriormente preoccupati dall´atteggiamento di chiusura dimostrato anche dalla realtà che acquisterà parte dell´azienda. É in gioco il futuro di 60 lavoratori, per lo più lontani dall´età pensionabile e con famiglia a carico».
Se nei primi anni della crisi economica l´azienda era riuscita comunque ad andare avanti, nel 2010 si sono registrati i primi consistenti cali di fatturato per poi arrivare al tracollo del 2011. Le cifre parlano di un indebitamento di circa 17 milioni di euro con il sistema bancario, ai quali bisogna aggiungerne altri 14 con i fornitori. L´azienda aveva quindi chiesto l´ammissione al concordato preventivo, la cui procedura è stata dichiarata aperta a marzo dal tribunale civile. S.D.C.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *