Agricoltura. Il Ministero risponde alla mia interrogazione

Disegno di legge in arrivo. Obiettivo valorizzazione aree agricole e contenimento consumo del suolo

Oggi pomeriggio il Ministero delle Politiche Agricole, nella persona del sottosegretario Castiglione, ha risposto all’interrogazione da me presentata e sottoscritta dal collega Federico Ginato.

Il casus belli fu la pioggia record dello scorso maggio, che mise in ginocchio il settore agricolo del nostro territorio compromettendo buona parte del raccolto, ma la questione si colloca in quadro più ampio, all’interno della necessità di adottare provvedimenti legislativi volti al mantenimento del territorio in condizioni di equilibrio eco-sostenibile nel lungo periodo e alla valorizzazione delle vocazioni agricole e paesaggistiche del nostro Paese.

Il sottosegretario Castiglione ha dato delle risposte importanti dimostrando che è priorità del Governo intervenire sulla prevenzione dei rischi di dissesto e sul recupero delle aree già colpite da eventi calamitosi. Così lo scorso settembre è stata accolta integralmente la proposta della Regione di declaratoria di calamità e sono stati attivati gli interventi compensativi previsti dal Fondo di solidarietà nazionale.

Tuttavia, sono contraria lavorare solo sull’emergenza. Per questo sono felice che sia in arrivo un disegno di legge in materia di valorizzazione delle aree agricole e di contenimento del consumo del suolo. Sul disegno di legge, già approvato in via preliminare dal Consiglio dei ministri, è chiamata ad esprimersi domani la Conferenza unificata. Con l’attivazione di una politica integrata di gestione responsabile del territorio stiamo andando nella direzione giusta. Questo è l’unico modo per giungere a una gestione programmatica degli interventi necessari per dare pieno supporto agli imprenditori agricoli e per tutelare concretamente il nostro territorio. Continuerò a monitorare la questione, in primis intervenendo con proposte emendative sulla legge di Stabilità in arrivo alla Camera.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *