Legge 194 a rischio, sempre più aborti clandestini

Troppi medici obiettori, pochi consultori e con scarse risorse.
Rendere obbligatoria la figura del mediatore culturale e fare attenzione alle cliniche illegali.

Il fenomeno dilagante degli aborti clandestini è frutto del progressivo smantellamento della legge 194: infatti, a trentacinque anni dall’approvazione della legge, non è possibile che in interi ospedali non vi sia nessun medico che la applichi. Per questo ho sottoscritto un’interrogazione in Commissione Affari Sociali.

L’aumento terribile di aborti clandestini deve farci riflettere: il numero, come rivela un’inchiesta di La Repubblica, sembra addirittura raddoppiato in questi ultimi anni, arrivando a circa 40 mila nel 2012. Oltre l’80% dei ginecologi e oltre il 50% di anestesisti e infermieri non applica più la legge 194 poiché si dichiarano obiettori, e la Laiga denuncia che sono molti i professionisti che obiettano per non incorrere in discriminazioni che ostacolerebbero possibilità di carriera. Non dobbiamo sottovalutare che i consultori, anche nel territorio vicentino, sono troppo pochi e con scarse risorse, e che in tali contesti, non essendo obbligatoria la figura del mediatore culturale, sono tante le donne immigrate a trovarsi in difficoltà.

Restiamo in attesa di confrontarci con il ministro della Salute Beatrice Lorenzin in merito all’applicazione della legge 194, e di ascoltare la relazione annuale che purtroppo ancora manca poiché molte regioni sono in ritardo con l’invio dei rapporti al Ministero. In questo senso, ieri il sottosegretario Paolo Fadda si è impegnato a fare pressioni.

Ricordo che la mancata applicazione della 194 ha ripercussioni terribili sulla salute delle donne e favorisce la piaga degli aborti clandestini. Chiediamo, dunque, l’applicazione in toto della legge 194 e una maggiore attenzione per le troppe cliniche fuori legge, vere e proprie strutture parallele dove si praticano aborti clandestini. Chiediamo, infine, una maggiore divulgazione delle informazioni, in particolare, verso le ragazze minorenni. Prevenzione e applicazione della 194: sono questi gli strumenti che dobbiamo utilizzare di più e meglio, per garantire in primis la salute di tutte le donne.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *