Crisi dell’Olimpias: appello ai Benetton

GRUMOLO.Ieri in municipio politici e sindacati a confronto con una delegazione di lavoratori

«Serve un incontro urgente»

Claudia Milani Vicenzi
Davanti all’azienda continua il sit-in e i camion non escono. Il 10 aprile termine per una soluzione.

Alcuni dipendenti dell’Olimpias durante l’incontro di ieri. FOTO MILANI«La solidarietà delle istituzioni è importante ma, per le 130 famiglie che non riescono ad arrivare a fine mese, non basta. È il momento delle azioni concrete». Questo lo spirito che ha animato l’incontro di ieri sul “caso Olimpias”.
Incontro indetto dal sindaco di Grumolo Flavio Scaranto e che ha visto la partecipazione, oltre che dei primi cittadini dei comuni limitrofi (Torri di Quartesolo, Longare, Camisano e Grisignano) anche dei rappresentanti sindacali, di una delegazione di lavoratori e di numerosi politici: l’assessore regionale Elena Donazzan, i consiglieri regionali Claudio Rizzato e Roberto Ciambetti, l’onorevole Daniela sbrollini e il consigliere provinciale Eleutherios Prezalis.
La situazione dell’azienda tessile di Vancimuglio, controllata della Benetton, è da tempo critica. L’attività è stata sospesa e il rischio di una chiusura definitiva sembra essere alle porte. I dipendenti continueranno il sit-in con il preciso scopo di impedire che i camion, carichi di merce, escano in questi giorni dallo stabilimento, nel frattempo gli amministratori hanno predisposto una serie di azioni per salvare la ditta.
«Non dimentichiamo – hanno spiegato i sindacalisti Dario Bizzotto (Cisl) e Giannino Rizzo (Uil) – che l’utile netto Benetton, nel 2009, è stato di 122 milioni di euro. Certo, c’è stato un calo rispetto agli anni precedenti, ma non si può certo parlare di un’azienda in difficoltà». Durante la riunione tutti i partecipanti hanno sottoscritto una lettera per chiedere al presidente Christian Benetton un incontro urgente (entro 10 aprile). Nel frattempo, si sta concordando un’ulteriore riunione tra la dirigenza Olimpias e i segretari generali dei sindacati. Altro obiettivo, infine, sul quale hanno garantito impegno in prima persona sia Elena Donazzan che Daniela sbrollini è di arrivare ad un tavolo nazionale che coinvolga tutti gli interessati e permetta di fare chiarezza sulla reale situazione dell’azienda. A questo proposito l’onorevole ha presentato, proprio in questi giorni, un’interrogazione parlamentare.
«È scandaloso – ha invece ribadito Roberto Ciambetti – che la Benetton annunci negli stessi giorni la chiusura dello stabilimento e un dividendo da 40 milioni di euro».
Claudio Rizzato ha invece spiegato che «molte aziende stanno approfittando di questo periodo. Da una parte i piccoli imprenditori tentano di salvare l’attività a tutti i costi, i grandi sulla crisi ci marciano». Prezalis poi ha annunciato l’interrogazione in consiglio provinciale.

Giornale di Vicenza Giovedì 25 Marzo 2010 pagina 33

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *