Vicenza

Lovato Gas, interrogazione On. Sbrollini (PD): “Il Governo intervenga al più presto”

19 settembre 2017

“Lovato Gas oggi occupa 110 persone a tempo pieno, la direzione intende avviare un piano di delocalizzazione verso Polonia e Iran nonostante l’azienda abbia chiuso il suo bilancio 2016 con un utile di 1,2 milioni di euro pur prestando al gruppo che la detiene oltre 3 milioni di euro.
Ho deciso di presentare un’interrogazione parlamentare al Ministero dello sviluppo economico, in particolare al viceministro Teresa Bellanova.
Sono stata personalmente al presidio insieme ai lavoratori, ho incontrato tante donne e uomini che, nonostante la crisi aziendale nutrono grande l’affetto verso la propria azienda e sono mossi dall’orgoglio per il proprio lavoro, il gruppo e per il territorio.
Lovato Gas ed è’ l’unica società del gruppo Landi che continua a generare profitti. Dal 2008 ad oggi ha restituito a Landi il costo che a suo tempo la stessa famiglia aveva speso per acquistarla dalla famiglia, una cifra stimabile intorno ai 65 milioni di euro.
Politica tutta, Governo e sindacati devono fare squadra con i lavoratori per superare questa fase critica e per garantire allo stabilimento di Vicenza la piena occupazione dei lavoratori e la produttività. Con la chiusura della Lovato Gas verrebbe meno nel nostro territorio un patrimonio produttivo che da oltre 50 anni è simbolo di innovazione e tecnologia.
Attualmente presso la Lovato Gas i lavoratori hanno organizzato un presidio fisso, attivo 24 ore al giorno per non far portare via i macchinari.
A tutti i lavoratori e alle loro famiglie va la mia piena solidarietà. E’ davvero apprezzabile l’impegno che sta compiendo anche la GGIL-Fiom, da subito vicina ai lavoratori. Il mio impegno da parlamentare del territorio non mancherà.”

On. Daniela Sbrollini
deputata PD

Vicenza Calcio – On. Sbrollini “Numero abbonamenti dimostra nuovamente amore per la società e fiducia nel nuovo progetto. “

⚽⚪🔴

9 Settembre 2017

“Quasi 6000 abbonamenti, code anche in questi ultimi giorni ai botteghini biancorossi per assicurarsi di assistere alle gare interne del Vicenza calcio. In ogni categoria l’amore per i colori biancorossi è infinito, nonostante la retrocessione di pochi mesi fa la voglia di calcio e la fiducia nella ripartenza è enorme. Va dato merito a tutta la tifoseria di aver nuovamente dimostrato fedeltà e passione per la maglia in un momento così complicato. Sono numeri che fanno emozionare, e che fanno impallidire alcune piazze di serie A, anche tra le grandi squadre. È giusto sottolineare un risultato così positivo, perché è soprattutto da questi aspetti che poi si possono creare le condizioni giuste per migliorare il mondo del calcio, e per far crescere il territorio attraverso lo sport.

Questi risultati sono il frutto dell’affetto incondizionato della città e della provincia, ma anche della fiducia nel nuovo progetto avviatosi positivamente con il nuovo assetto societario. La nuova dirigenza ha avuto la prontezza di sistemare e riavviare alcuni aspetti nella promozione della società e nel progetto complessivo, provando così a ricreare in città un sentimento positivo che è necessario al fine di raggiungere grandi risultati.

Se in campo mister e giocatori saranno all’altezza dell’affetto dimostrato dai tifosi, il Vicenza in pochi mesi tornerà ad una categoria superiore, continuando poi a poter sognare di migliorare ulteriormente. Forza Vicenza!”

On. Daniela Sbrollini
Deputata,
Responsabile nazionale sport PD

In Comune a Vicenza sul tema sicurezza

Più sicurezza per il nostro territorio: Venerdì 17 luglio ho incontrato le commissioni consiliari “Servizi alla popolazione” e “Affari istituzionali” di Vicenza. Abbiamo approfondito il nuovo decreto sicurezza che riguarda in particolare gli ambienti urbani. Collaborare tra istituzioni è la soluzione più efficace per risolvere i problemi dei cittadini.
Questi i punti chiava dell’impegno sottoscritto dal Comune e dai parlamentari:

-un consistente aumento della forza organica della Questura di Vicenza, portandola allo stesso livello delle Questure di Padova e di Verona che per popolazione, estensione territoriale, elementi socio-economici e reati denunciati hanno caratteristiche analoghe a quelle della provincia di Vicenza.

– la possibilità che per quei Comuni che hanno bilanci sani, come quello di Vicenza, siano allentati i vincoli che impediscono assunzioni (polizia locale).

– la revisione di leggi che interferiscono con l’applicazione e l’esecuzione della pena.

Abbiamo concordato di ritrovarci più avanti per verificare insieme il lavoro fatto.

Assemblea Assosport a Vicenza

Assosport ha scelto Vicenza per la sua assemblea nazionale: “Sport: un business oltre i confini.”  Lo sport business è un volano fondamentale per la crescita dell’Italia. Sanita, cultura, educazione, turismo, produzione industriale e digitalizzazione… Tutti temi in cui lo sport può giocare da protagonista e far crescere l’Italia in termini di ricchezza, benessere e occupazione. Sono intervenuta anche a nome del Ministro dello Sport Luca Lotti: entro alcuni mesi il Governo ed il Parlamento approveranno riforme importanti per questo settore.

Elezioni amministrative, risultati positivi per il PD

Davvero positivi i dati del Partito Democratico alle elezioni amministrative. In particolare per la provincia vicentina complimenti al Sindaco di Thiene Giovanni Casarotto addirittura confermato al primo turno, un grande risultato anche del PD Thienese, è il segnale che la città ha apprezzato l’ottima amministrazione di questi anni. Ottimo poi il risultato di Marano Vicentino, Romano d’Ezzelino e Sandrigo e ai sindaci rispettivamente eletti: Marco Guzzonato, Simone Bontorin e Giuliano Stivan.
Più in generale a livello nazionale si nota evidentemente come gli elettori abbiano voluto premiare le coalizioni che rappresentavano forze legate ai loro territori sia di centrosinistra che di centrodestra. Tracollo del movimento cinque stelle, che si dimostra ancora una volta poco credibile nei propri contenuti di proposta politica amministrativa.
Adesso avanti per i ballottaggi, sono moltissime le città in cui, analizzando i dati, il centrosinistra può vincere ribaltando il vantaggio del centrodestra al primo turno.
Tutti i risultati per la provincia di Vicenza 

Vigili del fuoco – On. Sbrollini: “In arrivo 5 nuovi vigili per Vicenza”

26 maggio 2017
“Lo scorso 30 marzo il Sottosegretario all’Interno Gianpiero Bocci è stato nella città di Vicenza per affrontare il tema della sicurezza inviato direttamente dal Ministro Minniti. Con lui i parlamentari vicentini e i vertici del Partito Democratico Vicentino.
La prima tappa della giornata insieme al Sottosegretario ci ha visti impegnati al comando provinciale dei Vigili del Fuoco, siamo stati accolti dall’ Comandante Ing. Enrico Porrovecchio per affrontare i temi legati alle graduatorie dei dei Vigili del Fuoco, verificare le innovazioni dell’operatività delle forze di sede a Vicenza e discutere sulla retribuzione di tutto il personale.
A distanza di poche settimane quell’impegno è stato mantenuto e nelle prossime settimane infatti arriveranno 5 nuovi vigili del fuoco per la sezione di Vicenza, assunti proprio dalla graduatoria di concorso già effettiva.
Ciò avviene grazie al comma 368, introdotto proprio alla Camera, modifica l’articolo 4, comma 4, del decreto-legge n.101/2013, prorogando fino al 31 dicembre 2017 l’efficacia delle graduatorie dei concorsi pubblici per assunzioni a tempo indeterminato relative alle amministrazioni pubbliche soggette a limitazioni delle assunzioni, nonché delle graduatorie vigenti del personale dei Corpi di polizia e del Corpo nazionale dei vigili del fuoco.
Leggevo nei giorni scorsi, su “Il Giornale di Vicenza” le proteste sulla retribuzione per il personale dei Vigili del Fuoco: condivido con loro e con il sindacato la necessità di investire e premiare maggiormente chi ogni giorno dedica e rischia la propria vita per la sicurezza di tutti i cittadini. Un investimento in questo senso dev’ essere una priorità della pubblica amministrazione nonostante il periodo di scarse risorse finanziarie.
Sono soddisfatta per il lavoro di sinergia che è stato fatto tra il parlamento, le istituzioni locali e il Governo per le risposte che sono sempre più concrete. Rimane ancora molto da fare per la sicurezza e per il personale delle forze armate nella provincia di Vicenza, ma finalmente la situazione sta migliorando.”
On. Daniela Sbrollini
Vicepresidente XII Commissione Affari Sociali e Sanità
Responsabile nazionale Sport e Welfare PD

 

Interrogazione al Ministro Beatrice Lorenzin – Pfas nel vicentino

 

Al Ministro della salute – Per sapere – premesso che:

Sono stati resi pubblici i lavori commissionati dalla Giunta della Regione Veneto e relativi allo “Studio sugli esiti materni e neonatali in relazione alla contaminazione da sostanze perfluoroalchiliche (Pfas)”,

Il documento, predisposto e consegnato nel mese di settembre 2016 alla Regione Veneto, fino a Gennaio 2017 non era stato reso pubblico nè consegnato ai consiglieri regionali. La pubblicazione dello stesso, è avvenuta solamente in seguito ad alcune recenti indiscrezioni della stampa locale. L’indagine è stata condotta del “Registro Nascita – Coordinamento Malattie Rare Regione Veneto” .

L’attenzione dello studio è stata rivolta maggiormente al confronto dei dati tra i comuni in cui si è registrata la massima esposizione ai Pfas. L’area maggiormente colpita dall’inquinamento da Pfas riguarda i seguenti comuni delle province di Vicenza e Verona: Albaredo D’Adige, Alonte, Arcole, Asigliano Veneto, Bevilacqua, Bonavigo, Boschi Sant’Anna, Brendola, Cologna Veneta, Legnago, Lonigo, Minerbe, Montagnana, Noventa Vicentina, Poiana Maggiore, Pressana, Roveredo di Gua’, Sarego, Terrazzo, Veronella, Zimella.

Inoltre si sono analizzati anche gli altri comuni in cui si è registrata un’esposizione ai Pfas superiore a quella indicata come limite di sicurezza dall’Istituto Superiore di Sanità ed i comuni a questi confinanti. Tali dati sono stati confrontati con quelli della Regione Veneto presi globalmente e per singole macroaree.

Durante il periodo indagato (2003-2015) sono avvenuti in Veneto 556.314 parti di donne residenti, 15.365 dei quali hanno riguardato madri residenti nei comuni più coinvolti dalla presenza di Pfas.

Indagando, attraverso le Schede di Dimissione Ospedaliera, la presenza di specifiche patologie emerge invece che le madri dell’area interessata si è riscontrato che queste hanno avuto un rischio più elevato di preclampsia (4,46% vs 3,6%) e di diabete gestazionale (5,35% vs 3,13%), maggiore del Veneto nell’insieme, ma anche di tutte le altre aree se considerate separatamente.

Dal 2003 al 2013 nell’area interessata da Pfas la prevalenza di SGA (piccoli per età gestazionale) è più elevata (3,6% e 3,5%) rispetto a tutte le altre aree indagate e quindi del Veneto (3,0% e 2,9%). Solo nell’ultimo biennio (dopo l’utilizzo dei filtri per gli acquedotti) nella stessa area la prevalenza di SGA subisce un decremento raggiungendo valori sovrapponibili alla media del Veneto (3,1%).

Analizzando per singoli apparati, spicca, nell’area coinvolta da Pfas una prevalenza più elevata per le anomalie del sistema nervoso (5,1‰ vs 3,6‰), attuale campo di indagine tra i ricercatori, del sistema circolatorio (1,0‰ vs 0,6‰) e per le anomalie cromosomiche (2,2‰ vs 1,6‰).

In sintesi, in accordo con la letteratura scientifica internazionale relativa ai PFAS, lo studio evidenzia in particolare l’incremento della pre-eclampsia, del diabete gestazionale, dei nati con peso molto basso alla nascita, dei nati SGA e di alcune malformazioni maggiori, tra cui anomalie del sistema nervoso, del sistema circolatorio e cromosomiche. Va osservato che le malformazioni sono eventi rari che necessitano di un arco temporale di valutazione più esteso per giungere a più sicure affermazioni. Riguardo al diabete gestazionale si rileva un evidente gradiente di rischio che si riduce progressivamente allontanandosi dall’area interessata da Pfas. Per confermare l’esistenza di un nesso causa-effetto è necessario disporre dei dati di biomonitoraggio e di esposizione sui singoli individui.

Dall’analisi effettuata lo stesso ente incaricato della ricerca suggerisce  necessità di ulteriori approfondimenti.

Se il Governo è a conoscenza dei fatti esposti

Se e come il Governo intende intervenire sollecitando l’intervento dell’Istituto Superiore di Sanità come organo tecnico-scientifico del Servizio sanitario nazionale al fine di valido controllo della salute pubblica nelle aree interessate dal fenomeno Pfas.

 

On. Daniela Sbrollini

Lo studio è consultabile QUI

 

Esclusione ragazzi ViEst – Servono nuove regole per l’integrazione

articolo-viest

Caso Bertesinella ViEst – Lo sport superi le barriere burocratiche e prediliga il diritto al gioco e l’integrazione

“Oggi sul Giornale di Vicenza si racconta purtroppo dell’esclusione di due ragazzi dalla squadra giovanile dal Bertesinella VIEst, squadra vicentina, che non riesce a tesserare due giovani ragazzi ivoriani per ragioni burocratiche.

Il fatto, che riguarda due giovanissimi, purtroppo non è ne il primo né l’ultimo caso di esclusione per motivi di tesseramento e cittadinanza. I bambini stranieri non accompagnati purtroppo sono tantissimi, giustamente quando arrivano vogliono vivere e giocare con i loro coetanei, lo sappiamo e stiamo facendo di tutto per garantire che le coopertative e le associazioni del settore in tutta Italia se ne prendano cura nel miglior modo possibile. E’ un tema prioritario della mia commissione a cui tengo moltissimo e su cui abbiamo ottenuto importanti risultati: quest’anno la Camera ha approvato una proposta di legge, di iniziativa parlamentare, che modifica la normativa vigente sui minori stranieri non accompagnati presenti in Italia, con l’obiettivo prioritario di rafforzare le tutele nei confronti dei minori e garantire un’applicazione uniforme delle norme per l’accoglienza su tutto il territorio nazionale. Il testo è ora all’esame del Senato.
In questa legislatura abbiamo anche definitivamente approvato lo Ius Soli Sportivo, che oggi permette a decine di migliaia di bambini stranieri, nati o arrivati in Italia di condividere il gioco, lo sport  e la crescita con i coetaneei italiani senza alcune discriminazione.  L’ordinamento sportivo ha norme giustamente severe ed indipendenti dall’ordinamento giuridico ordinario, ma lo sport rappresenta soprattutto un linguaggio comune,  si dovrebbe garantire l’inclusione e le pari opportunità di accesso e pratica sportiva per tutti, soprattutto a chi vive o ha vissuto fuori dal campo una situazione difficile e drammatica come quella raccontata dai ragazzi del “Bertesinella Vi Est”.
Includere i ragazzi stranieri nella squadra può diventare un’opportunità anche per i “nostri” ragazzi, uno spogliatoio è come una sorta di famiglia, dove si sta assieme giocando e crescendo, un occasione di confronto e la creazione di un lavoro verso un obiettivo comune. Lo sport ha il potere di ampliare gli orizzonti, conoscere culture, lingue e costumi diversi.
Mi auguro fortemente  che, anche con il supporto delle istituzioni e degli enti locali, si possano trovare soluzioni per deroghe speciali. Perché se è vero che è giusto rispettare le regole è ancora più vero che in alcuni casi è giusto superare le norme e permettere che l’amore per lo sport, l’amicizia, la voglia di stare assieme vengano prima . Noi legislatori e i dirigenti della FIGC dobbiamo sapere che per una squadra giovanile non potrebbe esserci miglior buon esempio.

Nelson Mandela diceva che : “Lo sport ha il potere di creare speranza dove c’è disperazione. È più potente dei governi nel rompere le barriere razziali, è capace di ridere in faccia a tutte le discriminazioni.” Se lo sport può avere questa straordinaria funzione, più efficace della politica, è giusto che si faccia di tutto per accelerare un percorso potenzialmente straordinario per la crescita dei nostri ragazzi, nessun atteggiamento di chiusura su questi temi può risultare positivo. Con che coraggio, il nostro Paese può dire no alla pratica sportiva a due ragazzi che dopo anni di peripezie e violenze lontano da casae vogliono giocare con i loro coetanei?

Sono a disposizione del Parlamento, del Governo, del Coni e della Federcalcio per ragionare insieme sulle possibili soluzioni perché questi problemi, numerosi su tutto il territorio nazionale, vengano risolti con un investimento sul futuro dei più giovani.

Placaggio Rugby Vicenza On. Sbrollini – caso spiacevole, la società rimane riferimento per la cultura sportiva .

+++ Comunicato Stampa +++

Il Rugby Vicenza è una delle principali realtà sportive della provincia di Vicenza. La società si è sempre contraddistinta per voler esprimere nel migliore dei modi la filosofia e l’azione della federazione rugby e cioè quella un’ investimento educativo, prima che sportivo, nei più giovani. Lo sport nell’attività del Rugby Vicenza non è il fine, ma uno strumento di sana crescita di tanti ragazzi. Ogni giorno centinaia di ragazzi e famiglie partecipano alle attività di questa società dilettantistica che si contraddistingue, più di altre e da molti anni, per la diffusione dei sani valori dello sport tra cui il rispetto del prossimo, delle regole, degli avversari ed intende lo sport come un grande strumento di crescita sociale. Nel percorso di Vicenza Città Europea dello sport saranno protagonisti di molte attività per i più giovani e per la nostra città.

Il fatto spiacevole accaduto Domenica rappresenta purtroppo la follia di un solo giocatore. L’ambiente rubgy è un ambiente sano, adatto alla crescita di ragazzi e ragazze già dall’infanzia. L’arbitro coinvolto Maria Beatrice Benvenuti è una ragazza che ci invidiano in tutto il mondo, grande risorsa e futuro di tutto lo sport italiano. Ci ha rappresentato alla grande durante le olimpiadi di Rio 2016 e sono felice che stia bene, le esprimerò al più presto tutta la mia solidarietà.

Non sono stupita dall’immediata e netta condanna dell’episodio da parte della società perchè conosco bene l’ambiente e da tempo ho potuto apprezzare la sensibilità umana e sportiva che contraddistingue gli educatori, gli allenatori, i dirigenti, tifosi e giocatori del Rugby Vicenza. Complimenti anche al giudice federale per essere intervenuto immediatamente condannando l’accaduto.

Link consigliati

News in Pillole