coni

Olimpiadi – On. Sbrollini (PD): “Persa un’occasione straordinaria, il NO per Roma solo ideologico”

2 Agosto 2017

“Parigi 2024, Los Angeles 2028. Queste le sedi olimpiche che seguiranno all’edizione dei Giochi di Tokyo. Le città hanno confermato la scelta e si sono accordate con il CIO per questa programmazione.
La candidatura di Roma 2024, che era partita in maniera straordinaria, poteva essere la grande svolta per la nostra capitale, per tutto il Paese ed in particolare per le sedi olimpiche. Era l’occasione di poter pensare e realizzare progetti di sviluppo urbano, di riqualificazione, per i trasporti, un rilancio generale dell’immagine di Roma nel mondo.

Il Governo Matteo Renzi ed il CONI, con il suo Presidente Giovanni Malagò , ci avevano creduto molto, avviando uno straordinario programma di idee ed investimenti. Ottimo il lavoro del comitato promotore, fino a quando ha potuto lavorare.
Invece il M5s ha voluto dire NO a prescindere. Un NO, ideologico, per paura, per mancato coraggio nel voler programmare e vigilare su un’occasione storica che avrebbe trasformato positivamente una città che appare immobile, ed in difficoltà. Con il NO alle olimpiadi di Roma 2024, il sindaco Raggi ha chiuso le porte a oltre 170 mila posti di lavoro, un piano rigenerazione delle periferie, opportunità per tutto il settore turistico e per il commercio. Chi ha deciso per il NO non ha compreso le ricadute positive di indotto ed immagine per la Città. 2 miliardi di euro sarebbero stati stanziati dal Comitato Olimpico Internazionale verso la nostra capitale.
Era inoltre la grande occasione per dare una scossa positiva a tutto il mondo dello sport italiano, un settore troppo spesso sottovalutato che rimane straordinario: sostenuto principalmente dal volontariato e capace di generare cultura, educazione, salute ed inclusione capillarmente in tutto il nostro Paese.

Le sfide, le opportunità, anche se difficili vanno colte ed affrontate, perché e sulle sfide impegnative che si misura la cifra di una classe politica e di una generazione. Ora nella sessione olimpica del prossimo settembre a Lima non resta che nominare la città che ospiterà la sessione CIO per il 2019, Milano è città candidata. Mi auguro fortemente che Milano possa ottenere questo risultato, con Expo ha dimostrato di saper ospitare i più grandi eventi mondiali.

Intendo proseguire questo mio incarico di responsabile sport collaborando con il Governo Paolo Gentiloni, il Ministro Luca Lotti, ed il Presidente CONI Malagò facendo squadra in vista dei grandi eventi internazionali già programmati in Italia, dagli europei di calcio, fino alla Ryder cup di golf. Tutte queste manifestazioni costituiscono una grande occasione di crescita economica, occupazionale e culturale per il nostro Paese.
In bocca al lupo al CONI ed a tutti i nostri giovanissimi atleti che sognano di arrivare a vincere medaglie olimpiche, ci regaleranno sicuramente grandi emozioni. Certo, in casa, avrebbero avuto tutto un altro sapore.”

On. Daniela Sbrollini
Responsabile dipartimento Sport PD

Vicenza riceve ufficialmente al CONI il titolo di Città Europea dello Sport

Roma 8 Novembre 2016
15003206_1272845502737869_3735892372044732183_o
Vicenza premiata Città Europea dello Sport, a Roma la delegazione ha partecipato alla Cerimonia di consegna delle Benemerenze dello Sport europeo alla presenza del Presidente del Coni Giovanni Malagò, del Presidente ANCI Antonio Decaro e del Presidente ACES Europe-MSP Italia Gian Francesco Lupattelli.
Tutti i comuni italiani che hanno ottenuto il riconoscimento per il 2017 saranno presenti anche al Gran Gala al Parlamento Europeo di Bruxelles il prossimo 16 novembre alle ore 17.30.

La numerosa delegazione vicentina era composta dal Sindaco di Vicenza Achille Variati, dall’Assessore alla Formazione Umberto Nicolai, dall’On. Daniela Sbrollini responsabile nazionale Sport e Welfare e ideatrice del progetto, Giacomo Bez coordinatore del Comitato organizzatore,Giueppe Falco per il CONI Vicenza, Diego Fontana per l’ufficio sport, Fabio Poli, Marco Borin, Laura Anni, Paola Ambrosetti, Paolo Bedin.

“Vicenza è Città Europea dello Sport 2017. Grande soddisfazione per un titolo che appartiene a tutta la città, e che l’anno prossimo consentirà a Vicenza di vivere un grande anno di sport, di eventi, di cultura. Aces Europa da molti anni è in prima linea per la diffusione dello sport e della cultura del movimento in tutta l’unione europea, il suo impegno è particolarmente significativo in Italia. Aces Europe è tra le migliori realtà che operano nella piena consapevolezza che lo sport è un grande fattore di integrazione nella società, consentendo il miglioramento della qualità della vita e la salute di tutti i cittadini. E’ anche attraverso l’impegno e l’entusiasmo di organizzazioni di questo tipo che ora in Parlamento sono diverse le proposte di legge per il miglioramento e la crescita di questo straordinario settore.
Voglio ringraziare il Presidente del Coni Giovanni Malagò per averci ospitato a Roma a celebrare un’occasione così importante, in questo quadriennio olimpico è riuscito a trasmettere entusiasmo, risultati e riforme importanti per lo sport italiano.

Sono orgogliosa per la mia città, Vicenza, che è e vuole sempre più essere esempio nelle buone pratiche per l’organizzazione di spazi e servizi per lo sport. Il titolo di Città Europea dello sport è il risultato dell’impegno quotidiano di moltissime persone con moltissime realtà sportive competenti, lungimiranti e legate al territorio vicentino. Si è saputo in questi anni collaborare virtuosamente con l’amministrazione comunale che nello sport e nell’impiantistica sportiva ha investito tanto. Ora vogliamo fare di più: vogliamo mettere a sistema le nostre eccellenze, per essere sempre più un riferimento sportivo in Italia. Vogliamo fortemente migliorare ancora perché lo sport all’interno delle aree urbane è fondamentale, in una società sempre più complessa può essere uno strumento eccezionale perché parla un linguaggio universale ed è capace di creare educazione, cultura sportiva, migliorare la qualità della vita costituendo anche una grande occasione di crescita economica, occupazione e turismo.
Il futuro della nostra città passa anche per come sapremo realizzare i progetti e per come sapremo capitalizzare questo bellissimo titolo europeo. Vicenza Città Europea dello Sport è un’opportunità per tutta la comunità vicentina, una comunità che ha lo sport nel proprio DNA e dove è presente un tessuto imprenditoriale, associativo e sportivo che ha tutte le carte in regola per essere esempio in Europa dello sviluppo di politiche sportive positive per i cittadini.”

On. Daniela Sbrollini

Al quirinale la consegna del tricolore agli atleti azzurri

13495250_10208759370275339_8623048733594994665_n

Oggi, 22 Giugno 2016 il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha consegnato agli atleti italiani il tricolore perchè venga portato alle prossime olimpiadi di Rio 2016 !

ROMA 2024: SBROLLINI (PD), SE RAGGI NON SE LA SENTE GETTI SPUGNA

ROMA 2024: SBROLLINI (PD), SE RAGGI NON SE LA SENTE GETTI SPUGNA = Roma, 18 apr. (AdnKronos) –

”Mettere in contrapposizione la riparazione delle buche stradali all’organizzazione di una sfida così importante come le Olimpiadi non è solo demagogico, ma anche miope per il futuro stesso della Capitale. La candidata Raggi dovrebbe riflettere sul fatto che la maggior parte delle opere previste per Roma 2024 rimarranno a disposizione dei cittadini”. Così in una nota la deputata Daniela SBROLLINI, responsabile Nazionale Sport e Welfare del Pd. ”E’ previsto un regolamento molto stringente di controllo sugli appalti, con un forte ruolo in questo senso per l’Autorità anticorruzione -continua SBROLLINI- Senza considerare il grande impatto in termini di ricadute occupazionali e di prestigio internazionale per la città. Se il M5S non si sente all’altezza di cogliere queste opportunità per il bene di Roma -conclude- getti la spugna subito e non faccia perdere ai romani e all’intero Paese questa grande occasione”.

 

Venerdì 15 aprile CONI e Parlamento insieme al Teatro Olimpico

Invito_1

 

Venerdì 15 Aprile 2016 – Accesso libero

Atletica – On. Sbrollini (PD) : “Tutti assolti, ci più prudenza nel condannare subito mediaticamente i nostri atleti”

12527866_10209518352542305_1383662788_n

” Apprendo con soddisfazione la notizia dell’assoluzione per 8 atleti FIDAL da parte del Tribunale Nazionale Antidoping. E’ crollata la tesi accusatoria su cui è partito il processo : non aggiornando ripetutamente la reperibilità, gli atleti di fatto erano responsabili di eluso controllo accusati di violazione dell’art.2.3 delle Norme Sportive Antidoping.

Gli atleti, insieme ai loro avvocati si erano giustamente subito difesi denunciando problemi tecnici e di comunicazione al sistema che accertava la disponibilità temporale e logistica per sottoporsi ai controlli .Il Tribunale ha riconosciuto le ragioni degli atleti in primo grado, un  pasticcio insomma, ora risolto per 8 atleti, alcuni di loro già qualificati per le olimpiadi di Rio 2016. Molto probabilmente anche gli altri 18 sotto indagine della procura saranno assolti, ma per coloro ancora in attività la preoccupazione di un processo nato male a pochi mesi dall’olimpiade rimane  certamente un problema .
Certamente deve essere sempre garantita l’azione indipendente e della procura del CONI e della giustizia sportiva ma non si può tener conto della reale situazione : molte delle persone coinvolte, poi tutti assolti hanno subito attacchi pesanti, pubblicamente e privatamente, molti dei quali si sono trovati in imbarazzo e danneggiati sul piano personale e professionale , soprattutto nelle loro vesti di educatori ed allenatori sportivi di ragazzi più giovani. Traditi dallo stesso mondo dello sport a cui hanno dato molto.
Anche la stampa dunque in queste situazioni deve stare più attenta, più prudente a lanciare inizialmente l’allarme per non condannare mediaticamente chi poi si rivela innocente. Nonostante l’assoluzione troppo spesso la diffamazione mediatica purtroppo rimane una macchia ingiusta sulle persone e su tutto il mondo dello sport.”

On. Daniela Sbrollini

Pari opportunità nello sport? una sfida tutta (ancora) da vincere!

sport club Marzo 16

Sbrollini (Pd): Parlamento avvia campagna per sicurezza piste sci. Rivedere la legge del 2003

20160317053233
“Sono oltre 3 milioni gli sciatori in Italia. Ogni anno, durante la stagione invernale, avvengono circa 35 mila infortuni (di cui alcuni anche molto gravi) sulle piste da sci. Per questo insieme ad alcuni colleghi e con il Ministero della Salute e l’Avv. Francesco Persio, promotore della campagna, ho cominciato a ragionare sull’idea di una campagna di sensibilizzazione e informazione sulla sicurezza nella macroarea degli sport invernali. Il turismo montano genera ogni anno un fatturato di oltre 7 miliardi di euro; lo sci e la montagna sono una grande risorsa culturale, turistica e sportiva del nostro Paese. Il Coni è già molto attento sul tema della sicurezza nello sport. Anche la politica, però, deve fare la sua parte partendo da campagne come questa di tutela e prevenzione. Nonostante la legge già vigente sulla sicurezza (L. 363/2003), le leggi regionali che disciplinano questa materia a volte sono buone ma altre sono inesistenti, e quindi si procede a macchia di leopardo. Per questo è importante intervenire a livello nazionale sulla legge già esistente, con regole più severe come per esempio l’obbligo di assicurazione, il casco fino a 18 anni.Manca ancora una campagna vera di informazione/sensibilizzazione, per poter disporre/fornire un vademecum (sui comportamenti da tenere sulle piste) mentre ci si diverte. Vorremmo pensare di introdurre un’assicurazione obbligatoria all’interno del costo dello skipass per tutelare gli sciatori, che troppo spesso, oltre l’incidente si trovano a dover rimborsare danni arrecati a terzi. Puntiamo ad avviare un lavoro di sostegno, insieme al CONI, a tutte le associazioni di categoria e operatori del settore e al Ministero della Salute per superare le lacune che esistono su questo tema specifico.

Il Partito Democratico è in prima linea perché crede nello sport e anche la presenza del sottosegretario alla Sanità Vito De Filippo ha dato ulteriore conferma della disponibilità del governo ad aprire un tavolo di confronto e capire quali sono i passaggi e le modifiche da apportare alla legge del 2003, in modo da rafforzare la prevenzione e limitare poi i costi di intervento successivi”. Lo dichiara la responsabile nazionale Sport e Welfare del Pd, Daniela Sbrollini, a margine della conferenza stampa odierna per la presentazione della Campagna per la sicurezza sulle piste da sci.

On. Daniela Sbrollini
Responsabile Nazionale Sport e Welfare PD
VicePresidente XII Commissione
Affari Sociali e Sanità – Camera dei Deputati
 

@DaniSbrollini

Roma2024 – Intervista per Adnkronos

Roma 2024 si parte , il progetto è straordinario l’Italia merita l’Olimpiade

“Ho partecipato emozionata alla lettura delle proposte e dei contenuti preparati dal comitato Roma 2024, il Presidente del Comitato promotore Luca Cordero di Montezemolo sta facendo un bellissimo lavoro. Il progetto è straordinario e l’Italia merita l’Olimpiade.

Questa mattina il palazzo dei congressi dell’EUR era allestito a festa per presentare il progetto di quella che sarà la più grande “festa dello sport” mai organizzata in Italia. Malagò e Montezemolo hanno trasmesso energia ed entusiasmo su un progetto che coinvolgerà tutti gli attori del panorama sportivo culturale ed educativo del nostro Paese. Roma 2024 è una vera opportunità per rinnovare lo sport italiano: impianti, crescita delle società sportive, sviluppo di una nuova managerialità all’interno del mondo dello sport per un movimento che possa coinvolgere sempre più persone generando ricchezza, occupazione educazione, cultura sportiva e salute.
Già questa fase di candidatura è un’occasione straordinaria per Roma : nei prossimi mesi saranno avviati percorsi di sensibilizzazione sportiva, per il miglioramento qualità della vita e per la diffusione dei valori olimpici su tutto in territorio nazionale. I Giochi permetteranno  un’ investimento non solo culturale, sociale e dell’immagine dell’Italia nel mondo ma permetteranno attrazione di investimenti, lavoro e sviluppo con un certo ritorno economico. Insieme al dossier di candidatura con i progetti e i luoghi per le singole discipline sportive il Comitato Promotore ha predisposto una dettagliata ricerca contenente il prospetto economico delle olimpiadi e paraolimpiadi 2024 che dimostra come l’impatto economico di questo grande evento  sarà positivo e genererà ricchezza sia a Roma che in tutta Italia.

Sottolineo ancora una volta la completa disponibilità del gruppo parlamentare PD a collaborare con il Coni, le altre istituzioni sportive, gli enti locali per sviluppare e migliorare i progetti di avvicinamento all’ assegnazione olimpica. Crediamo fortemente nel sogno olimpico e l’Italia merita questi Giochi. Avanti tutta! We want Roma 2024! “

 

Alc1RZqDseTdvydJAgbRH8hO7jPnuOBKobmI-yrIbzU2

Link consigliati

News in Pillole