Home

Gli articoli in home verranno visualizzati nella home page

LA SALUTE NELLE CITTÀ: BENE COMUNE, ECCO IL MANIFESTO DEL COMITATO DELLE REGIONI. BIANCO: “FONDAMENTALE IL GIOCO DI SQUADRA”

“Bisogna acquisire la piena consapevolezza che nella materia della salute l’Italia vuole giocare una partita importante in Europa. Per questo è molto importante fare squadra con Stato, Regioni, Comuni ed aziende sanitarie”. Lo ha sottolineato il presidente del Consiglio nazionale dell’ANCI e sindaco di Catania Enzo Bianco che, in qualità di presidente della delegazione italiana del Comitato delle Regioni, ha illustrato il documento “La salute nelle città: bene comune”, che verrà proposto al Parlamento Europeo. Il senso dell’iniziativa è stata spiegato oggi durante una conferenza stampa (foto) tenutasi nella sede nazionale dell’Associazione, cui hanno partecipato anche le vice presidenti delle Commissioni Affari Sociali della Camera, Daniela Sbrollini, e Sanità del Senato, Maria Rizzotti.
Il manifesto delinea i punti chiave e le azioni da mettere in campo nelle Città per migliorare gli stili di vita e lo stato di salute dei cittadini, con l’obiettivo di realizzare ‘Health cities’, ovvero città consapevoli dell’’importanza della salute come bene collettivo e che quindi mettono in atto politiche mirate e chiare, per tutelarla e migliorarla. Ogni punto del manifesto contiene le azioni prioritarie per i raggiungimento di questo obiettivo, promuovendo, a partire dall’esperienza internazionale, partenariati pubblico-privato per l’attuazione di progetti di studio sull’impatto di determinanti di salute nei contesti urbani.
Bianco ha ricordato come sono tanti i motivi che spingono ad una riflessione più attenta sul legame tra salute e città. Innanzitutto “l’aumento continuo della popolazione del pianeta che ha raggiunto livelli significativi”. Inoltre, va considerata la forte spinta verso l’urbanizzazione: “Basti pensare che in Italia il 70% della popolazione vive nelle città. Mentre nel 2016 a livello mondiale oltre la metà delle persone ha scelto di vivere in contesti urbani”. Tutto questo spiega l’interesse che i Comuni sono chiamati ad avere sui temi della salute. “Indipendentemente dalle loro specifiche competenze – ha notato ancora Bianco – i sindaci non possono non occuparsi di queste problematiche”.
“Questo documento è un vero atto parlamentare in stile europeo che parte da proposte chiare e raggiungibili e che ha già suscitato notevole interesse a livello comunitario”, ha ricordato Roberto Pella, vice Presidente dell’Anci  Sindaco di Valdengo membro del Comitato delle Regioni e soprattutto relatore per la Commissione Nat del parere. Il parere “punta ad un approccio integrato che faccia nascere un sistema globale con la partecipazione di tutte le reti nazionali e soprattutto i cittadini”, ha ricordato ancora Pella.
Venendo ai contenuti principali del documento, che dovrà essere formalizzato entro il prossimo 1 marzo, il vice presidente Anci ne ha indicati tre: l’attenzione alla tematica dell’invecchiamento e dell’aumento della popolazione, “su cui si gioca il futuro delle nuove generazioni”; ancora la gestione della cronicizzazione delle malattie; ed infine “gli squilibri che l’urbanizzazione comporta per il sistema sanitario”. Leggi gli interventi di Andrea Lenzi, Maria Rizzotti e Daniela Sbrollini, Alessandro Cosimi e Lucio D’Ubaldo. (gp)

Asili nido solo per Veneti, On. Sbrollini: “E’ incostituzionale, le lega vuole creare bambini di serie A e serie B”

 

 

“Il Consiglio Regionale Veneto ha approvato la proposta di legge che dà la priorità negli asili nido comunali ai bambini i cui genitori siano residenti in Veneto da almeno 15 anni. E’ un’ altro provvedimento fortemente ideologico del centrodestra che intende negare l’integrazione, anzi, cerca di ostacolarla. Questa nuova legge non è solamente sbagliata, è un danno enorme alla ricchezza culturale ed economica del nostro territorio.
La Lega Nord e la Giunta Zaia vogliono creare bambini di serie A e serie B, dando opportunità solamente a chi è Veneto da molto tempo creando problemi non solo agli stranieri ma danneggiando anche a qualsiasi famiglia italiana che negli ultimi 15 abbia scelto di vivere nella nostra Regione. Con questa legge nessuna giovane famiglia vorrà venire ad abitare nel nostro territorio, e sappiamo invece quanto ne avremmo bisogno, vista la preoccupante situazione demografica.

Su questo provvedimento interverrà sicuramente la Corte Costituzionale, poiché si limita la libertà e l’uguaglianza dei cittadini, costruendo invece discriminazioni che non possono essere accettate. Nella scorsa legislatura alla Camera dei deputati ho fatto parte della Commissione per l’infanzia e so bene che il Veneto vive una grande carenza di realtà educative ed insegnanti per l’infanzia, occorre investire di più, non si può risolvere il problema danneggiando la situazione di bambini  e famiglie.

Il Partito Democratico in parlamento in questi ultimi anni ha approvato numerosi provvedimenti per sostenere le giovani coppie ed il percorso formativo di tutti i bambini: abbiamo ideato e finanziato con 600 euro al mese il pagamento degli asili nido tutte le donne che scelgono di rientrare al lavoro dopo i primi mesi di maternità, altri 960 euro di bonus bebè annuali per le famiglie in difficoltà, promosso la creazione di percorsi formativi che fin dall’infanzia abbiano l’obiettivo dell’integrazione e della rimozione delle discriminazioni e stiamo lavorando ad una nuova legge che garantisca sicurezza per tutti i bambini negli ambienti scolastici.

L’autonomia delle regole che ha la Regione su questi temi non può assolutamente ledere i diritti fondamentali di chi vive in Italia. Mi opporrò in tutti i modi a questo terribile provvedimento propagandistico.”

 

On. Daniela Sbrollini
Vicepresidente XII Commissione Affari Sociali e Sanità
Responsabile nazionale Sport e Welfare PD

Intervista testamento biologico 26 gennaio 2017

La “Teoria Gender” non esiste, avvertito il Ministro dell’ Istuzione Fedeli

“L’assessore all’Istruzione della Regione Veneto Elena Donazzan chiede la censura preventiva dello spettacolo “Fa’afafine”, uno spettacolo che narra la storia di un adolescente alla scoperta di sé e della sua identità sessuale volendo stimolare una discussione sulla differenza di genere che invece è fondamentale per la crescita dei ragazzi. Su questa vicenda ho immediatamente avvertito il Ministro dell’Istruzione Valeria Fedeli in quanto garante della libertà d’insegnamento nella scuola pubblica. L’assessore Donazzan utilizza un mezzo pubblico e cioè il sito ufficiale della Regione Veneto per un messaggio di censura, contro la libertà dell’arte e contro la libertà di insegnamento delle scuole. La censura dovrebbe arrivare perché lo spettacolo, sosterrebbe “l’ideologia gender” teoria che non esiste. Quello di “teoria del gender” è invece un concetto creato dall’ estrema destra religiosa che mira ostacolare l’accettazione e il rispetto per chi è considerato “diverso”.

La nostra Costituzione, così “difesa” dalla Giunta veneta nei mesi scorsi dice che “L’arte e la scienza sono libere e libero ne è l’insegnamento”. Le forme d’arte come il teatro, la letteratura, il cinema, l’immagine, quando ovviamente non sono contrarie alla pubblica decenza e bene interpretate, sono sempre educative. Quest’uscita invece, sembra rievocare il ventennio fascista, tentando di chiudere la bocca a chi vuole far crescere i giovani attraverso la conoscenza della realtà e dal rispetto della diversità di ognuno di noi. Il teatro Astra di Vicenza e il centro di produzione teatrale “La Piccionaia” hanno una grande tradizione educativa e culturale nella nostra città di Vicenza ed hanno contribuito in tutti questi anni a formare decine di migliaia di ragazzi sempre con intelligenza ed originalità. Non possiamo permettere che la politica, senza nessun fondamento reale, ostacoli il lavoro di queste istituzioni.”

On. Daniela Sbrollini
Vicepresidente XII Commissione Affari Sociali e Sanità

Interrogazione al Ministro Beatrice Lorenzin – Pfas nel vicentino

 

Al Ministro della salute – Per sapere – premesso che:

Sono stati resi pubblici i lavori commissionati dalla Giunta della Regione Veneto e relativi allo “Studio sugli esiti materni e neonatali in relazione alla contaminazione da sostanze perfluoroalchiliche (Pfas)”,

Il documento, predisposto e consegnato nel mese di settembre 2016 alla Regione Veneto, fino a Gennaio 2017 non era stato reso pubblico nè consegnato ai consiglieri regionali. La pubblicazione dello stesso, è avvenuta solamente in seguito ad alcune recenti indiscrezioni della stampa locale. L’indagine è stata condotta del “Registro Nascita – Coordinamento Malattie Rare Regione Veneto” .

L’attenzione dello studio è stata rivolta maggiormente al confronto dei dati tra i comuni in cui si è registrata la massima esposizione ai Pfas. L’area maggiormente colpita dall’inquinamento da Pfas riguarda i seguenti comuni delle province di Vicenza e Verona: Albaredo D’Adige, Alonte, Arcole, Asigliano Veneto, Bevilacqua, Bonavigo, Boschi Sant’Anna, Brendola, Cologna Veneta, Legnago, Lonigo, Minerbe, Montagnana, Noventa Vicentina, Poiana Maggiore, Pressana, Roveredo di Gua’, Sarego, Terrazzo, Veronella, Zimella.

Inoltre si sono analizzati anche gli altri comuni in cui si è registrata un’esposizione ai Pfas superiore a quella indicata come limite di sicurezza dall’Istituto Superiore di Sanità ed i comuni a questi confinanti. Tali dati sono stati confrontati con quelli della Regione Veneto presi globalmente e per singole macroaree.

Durante il periodo indagato (2003-2015) sono avvenuti in Veneto 556.314 parti di donne residenti, 15.365 dei quali hanno riguardato madri residenti nei comuni più coinvolti dalla presenza di Pfas.

Indagando, attraverso le Schede di Dimissione Ospedaliera, la presenza di specifiche patologie emerge invece che le madri dell’area interessata si è riscontrato che queste hanno avuto un rischio più elevato di preclampsia (4,46% vs 3,6%) e di diabete gestazionale (5,35% vs 3,13%), maggiore del Veneto nell’insieme, ma anche di tutte le altre aree se considerate separatamente.

Dal 2003 al 2013 nell’area interessata da Pfas la prevalenza di SGA (piccoli per età gestazionale) è più elevata (3,6% e 3,5%) rispetto a tutte le altre aree indagate e quindi del Veneto (3,0% e 2,9%). Solo nell’ultimo biennio (dopo l’utilizzo dei filtri per gli acquedotti) nella stessa area la prevalenza di SGA subisce un decremento raggiungendo valori sovrapponibili alla media del Veneto (3,1%).

Analizzando per singoli apparati, spicca, nell’area coinvolta da Pfas una prevalenza più elevata per le anomalie del sistema nervoso (5,1‰ vs 3,6‰), attuale campo di indagine tra i ricercatori, del sistema circolatorio (1,0‰ vs 0,6‰) e per le anomalie cromosomiche (2,2‰ vs 1,6‰).

In sintesi, in accordo con la letteratura scientifica internazionale relativa ai PFAS, lo studio evidenzia in particolare l’incremento della pre-eclampsia, del diabete gestazionale, dei nati con peso molto basso alla nascita, dei nati SGA e di alcune malformazioni maggiori, tra cui anomalie del sistema nervoso, del sistema circolatorio e cromosomiche. Va osservato che le malformazioni sono eventi rari che necessitano di un arco temporale di valutazione più esteso per giungere a più sicure affermazioni. Riguardo al diabete gestazionale si rileva un evidente gradiente di rischio che si riduce progressivamente allontanandosi dall’area interessata da Pfas. Per confermare l’esistenza di un nesso causa-effetto è necessario disporre dei dati di biomonitoraggio e di esposizione sui singoli individui.

Dall’analisi effettuata lo stesso ente incaricato della ricerca suggerisce  necessità di ulteriori approfondimenti.

Se il Governo è a conoscenza dei fatti esposti

Se e come il Governo intende intervenire sollecitando l’intervento dell’Istituto Superiore di Sanità come organo tecnico-scientifico del Servizio sanitario nazionale al fine di valido controllo della salute pubblica nelle aree interessate dal fenomeno Pfas.

 

On. Daniela Sbrollini

Lo studio è consultabile QUI

 

Iscriviti alla mia Newsletter

newsletter-sbrollini

Ricevi la newsletter e tutti gli aggiornamenti dall’ On. Daniela Sbrollini

 


Esclusione ragazzi ViEst – Servono nuove regole per l’integrazione

articolo-viest

Caso Bertesinella ViEst – Lo sport superi le barriere burocratiche e prediliga il diritto al gioco e l’integrazione

“Oggi sul Giornale di Vicenza si racconta purtroppo dell’esclusione di due ragazzi dalla squadra giovanile dal Bertesinella VIEst, squadra vicentina, che non riesce a tesserare due giovani ragazzi ivoriani per ragioni burocratiche.

Il fatto, che riguarda due giovanissimi, purtroppo non è ne il primo né l’ultimo caso di esclusione per motivi di tesseramento e cittadinanza. I bambini stranieri non accompagnati purtroppo sono tantissimi, giustamente quando arrivano vogliono vivere e giocare con i loro coetanei, lo sappiamo e stiamo facendo di tutto per garantire che le coopertative e le associazioni del settore in tutta Italia se ne prendano cura nel miglior modo possibile. E’ un tema prioritario della mia commissione a cui tengo moltissimo e su cui abbiamo ottenuto importanti risultati: quest’anno la Camera ha approvato una proposta di legge, di iniziativa parlamentare, che modifica la normativa vigente sui minori stranieri non accompagnati presenti in Italia, con l’obiettivo prioritario di rafforzare le tutele nei confronti dei minori e garantire un’applicazione uniforme delle norme per l’accoglienza su tutto il territorio nazionale. Il testo è ora all’esame del Senato.
In questa legislatura abbiamo anche definitivamente approvato lo Ius Soli Sportivo, che oggi permette a decine di migliaia di bambini stranieri, nati o arrivati in Italia di condividere il gioco, lo sport  e la crescita con i coetaneei italiani senza alcune discriminazione.  L’ordinamento sportivo ha norme giustamente severe ed indipendenti dall’ordinamento giuridico ordinario, ma lo sport rappresenta soprattutto un linguaggio comune,  si dovrebbe garantire l’inclusione e le pari opportunità di accesso e pratica sportiva per tutti, soprattutto a chi vive o ha vissuto fuori dal campo una situazione difficile e drammatica come quella raccontata dai ragazzi del “Bertesinella Vi Est”.
Includere i ragazzi stranieri nella squadra può diventare un’opportunità anche per i “nostri” ragazzi, uno spogliatoio è come una sorta di famiglia, dove si sta assieme giocando e crescendo, un occasione di confronto e la creazione di un lavoro verso un obiettivo comune. Lo sport ha il potere di ampliare gli orizzonti, conoscere culture, lingue e costumi diversi.
Mi auguro fortemente  che, anche con il supporto delle istituzioni e degli enti locali, si possano trovare soluzioni per deroghe speciali. Perché se è vero che è giusto rispettare le regole è ancora più vero che in alcuni casi è giusto superare le norme e permettere che l’amore per lo sport, l’amicizia, la voglia di stare assieme vengano prima . Noi legislatori e i dirigenti della FIGC dobbiamo sapere che per una squadra giovanile non potrebbe esserci miglior buon esempio.

Nelson Mandela diceva che : “Lo sport ha il potere di creare speranza dove c’è disperazione. È più potente dei governi nel rompere le barriere razziali, è capace di ridere in faccia a tutte le discriminazioni.” Se lo sport può avere questa straordinaria funzione, più efficace della politica, è giusto che si faccia di tutto per accelerare un percorso potenzialmente straordinario per la crescita dei nostri ragazzi, nessun atteggiamento di chiusura su questi temi può risultare positivo. Con che coraggio, il nostro Paese può dire no alla pratica sportiva a due ragazzi che dopo anni di peripezie e violenze lontano da casae vogliono giocare con i loro coetanei?

Sono a disposizione del Parlamento, del Governo, del Coni e della Federcalcio per ragionare insieme sulle possibili soluzioni perché questi problemi, numerosi su tutto il territorio nazionale, vengano risolti con un investimento sul futuro dei più giovani.

Placaggio Rugby Vicenza On. Sbrollini – caso spiacevole, la società rimane riferimento per la cultura sportiva .

+++ Comunicato Stampa +++

Il Rugby Vicenza è una delle principali realtà sportive della provincia di Vicenza. La società si è sempre contraddistinta per voler esprimere nel migliore dei modi la filosofia e l’azione della federazione rugby e cioè quella un’ investimento educativo, prima che sportivo, nei più giovani. Lo sport nell’attività del Rugby Vicenza non è il fine, ma uno strumento di sana crescita di tanti ragazzi. Ogni giorno centinaia di ragazzi e famiglie partecipano alle attività di questa società dilettantistica che si contraddistingue, più di altre e da molti anni, per la diffusione dei sani valori dello sport tra cui il rispetto del prossimo, delle regole, degli avversari ed intende lo sport come un grande strumento di crescita sociale. Nel percorso di Vicenza Città Europea dello sport saranno protagonisti di molte attività per i più giovani e per la nostra città.

Il fatto spiacevole accaduto Domenica rappresenta purtroppo la follia di un solo giocatore. L’ambiente rubgy è un ambiente sano, adatto alla crescita di ragazzi e ragazze già dall’infanzia. L’arbitro coinvolto Maria Beatrice Benvenuti è una ragazza che ci invidiano in tutto il mondo, grande risorsa e futuro di tutto lo sport italiano. Ci ha rappresentato alla grande durante le olimpiadi di Rio 2016 e sono felice che stia bene, le esprimerò al più presto tutta la mia solidarietà.

Non sono stupita dall’immediata e netta condanna dell’episodio da parte della società perchè conosco bene l’ambiente e da tempo ho potuto apprezzare la sensibilità umana e sportiva che contraddistingue gli educatori, gli allenatori, i dirigenti, tifosi e giocatori del Rugby Vicenza. Complimenti anche al giudice federale per essere intervenuto immediatamente condannando l’accaduto.

Campagna elettorale – Basta un Sì per cambiare l’Italia

 

15310196_10211957821727510_2061547006_n

15055674_668120130023954_9042051401496497073_n

15202557_679794635523170_1172756761805773164_n

 

Link consigliati

News in Pillole