Home

Gli articoli in home verranno visualizzati nella home page

Lovato Gas, interrogazione On. Sbrollini (PD): “Il Governo intervenga al più presto”

19 settembre 2017

“Lovato Gas oggi occupa 110 persone a tempo pieno, la direzione intende avviare un piano di delocalizzazione verso Polonia e Iran nonostante l’azienda abbia chiuso il suo bilancio 2016 con un utile di 1,2 milioni di euro pur prestando al gruppo che la detiene oltre 3 milioni di euro.
Ho deciso di presentare un’interrogazione parlamentare al Ministero dello sviluppo economico, in particolare al viceministro Teresa Bellanova.
Sono stata personalmente al presidio insieme ai lavoratori, ho incontrato tante donne e uomini che, nonostante la crisi aziendale nutrono grande l’affetto verso la propria azienda e sono mossi dall’orgoglio per il proprio lavoro, il gruppo e per il territorio.
Lovato Gas ed è’ l’unica società del gruppo Landi che continua a generare profitti. Dal 2008 ad oggi ha restituito a Landi il costo che a suo tempo la stessa famiglia aveva speso per acquistarla dalla famiglia, una cifra stimabile intorno ai 65 milioni di euro.
Politica tutta, Governo e sindacati devono fare squadra con i lavoratori per superare questa fase critica e per garantire allo stabilimento di Vicenza la piena occupazione dei lavoratori e la produttività. Con la chiusura della Lovato Gas verrebbe meno nel nostro territorio un patrimonio produttivo che da oltre 50 anni è simbolo di innovazione e tecnologia.
Attualmente presso la Lovato Gas i lavoratori hanno organizzato un presidio fisso, attivo 24 ore al giorno per non far portare via i macchinari.
A tutti i lavoratori e alle loro famiglie va la mia piena solidarietà. E’ davvero apprezzabile l’impegno che sta compiendo anche la GGIL-Fiom, da subito vicina ai lavoratori. Il mio impegno da parlamentare del territorio non mancherà.”

On. Daniela Sbrollini
deputata PD

Vicenza Calcio – On. Sbrollini “Numero abbonamenti dimostra nuovamente amore per la società e fiducia nel nuovo progetto. “

⚽⚪🔴

9 Settembre 2017

“Quasi 6000 abbonamenti, code anche in questi ultimi giorni ai botteghini biancorossi per assicurarsi di assistere alle gare interne del Vicenza calcio. In ogni categoria l’amore per i colori biancorossi è infinito, nonostante la retrocessione di pochi mesi fa la voglia di calcio e la fiducia nella ripartenza è enorme. Va dato merito a tutta la tifoseria di aver nuovamente dimostrato fedeltà e passione per la maglia in un momento così complicato. Sono numeri che fanno emozionare, e che fanno impallidire alcune piazze di serie A, anche tra le grandi squadre. È giusto sottolineare un risultato così positivo, perché è soprattutto da questi aspetti che poi si possono creare le condizioni giuste per migliorare il mondo del calcio, e per far crescere il territorio attraverso lo sport.

Questi risultati sono il frutto dell’affetto incondizionato della città e della provincia, ma anche della fiducia nel nuovo progetto avviatosi positivamente con il nuovo assetto societario. La nuova dirigenza ha avuto la prontezza di sistemare e riavviare alcuni aspetti nella promozione della società e nel progetto complessivo, provando così a ricreare in città un sentimento positivo che è necessario al fine di raggiungere grandi risultati.

Se in campo mister e giocatori saranno all’altezza dell’affetto dimostrato dai tifosi, il Vicenza in pochi mesi tornerà ad una categoria superiore, continuando poi a poter sognare di migliorare ulteriormente. Forza Vicenza!”

On. Daniela Sbrollini
Deputata,
Responsabile nazionale sport PD

Vaccini, On. Sbrollini (PD) “Zaia strumentalizza i vaccini per nascondere i fallimenti e i problemi del Veneto!”

5 settembre 2017
“Il Veneto ha scelto di ricorrere contro il decreto Lorenzin in materia di Vaccini, chiedendo la proroga di due anni per la vaccinazione dei bambini da 0 a 6 anni, una terribile idea che esporrebbe maggiormente i veneti a gravi rischi sanitari. Non si giocano le sfide politiche sulla pelle dei bambini! Le amministrazioni pubbliche si devono assumere la responsabilità della tutela della salute pubblica.

L’epidemia di morbillo non è finita, solo nel 2017 ci sono stati oltre 4.300 casi in Italia. Non c’è altro da aggiungere per spiegare la gravità della situazione e le potenzialità critiche che da questa situazione potrebbero verificarsi. Molti altri casi di patologie facilmente evitabili con i vaccini stanno colpendo i cittadini, e lo Stato con tutti i suoi organi, anche quelli territoriali, deve prevenire con tutti i mezzi la diffusione di questi nuovi casi di malattia.
La giunta Zaia ha deciso di stanziare 14 milioni di euro un referendum consultivo invece  di pensare alla salute delle persone e alla diminuzione effettiva dei servizi socio sanitari rivolte a tutte le fasce di età!

Il comportamento del Governatore e di tutta la giunta regionale è decisamente pericoloso, in questo modo si promuove e si legittimano teorie antiscientifiche. Ora aspettiamo il pronunciamento dei giudici deputati all’analisi del ricorso, con piena fiducia nel loro lavoro, ma con la piena coscienza e convinzione di quando approvato come legislatori.
La salute è un tema fondamentale, un campo nel quale bisognerebbe sempre far sinergia tra Stato e Regione, invece il Veneto entra sempre in conflitto o fa ricorso.”

On. Daniela Sbrollini
Vicepresidente XII Commissione Affari Sociali e Sanità

Caso Fognini – On. Sbrollini (PD): “Comportamento sessista da condannare, lo sport prenda le distanze”

31 Agosto 2017
“Il comportamento ed il linguaggio del tennista Fabio Fognini nel match di questa notte agli UsOpen, è assolutamente da condannare. Epiteti sessisti e volgari sono stati chiaramente pronunciati contro il giudice di sedia Louise Engzell e ripresi dai media, facendo il giro del web in poche ore.

Il tennis è uno sport decisamente all’avanguardia dal punto di vista delle pari opportunità tra uomini e donne. E’ uno dei pochi sport in cui è assolutamente normale che sia una donna ad arbitrare un match maschile, e viceversa. Nel circuito i montepremi dei tornei sono da tempo equiparati, e le tappe del circuito maschile e femminile, spesso simultanee, godono da tempo di grande e pari popolarità. Anche nel nostro Paese il tennis è molto praticato sia da uomini che donne e pure i tifosi ed appassionati sono equamente divisi.

Se è vero che sono arrivate le scuse di Fabio Fognini poche ore dopo è pur vero che i tennisti professionisti devono sapere di dover essere un esempio per il loro sport anche attraverso il loro comportamento. Devono sempre essere coscienti che rivolgono le loro azioni a milioni di appassionati, donne e uomini, tra cui moltissimi giovani. Al netto dei provvedimenti che potranno essere presi dalla Federazione internazionale mi auguro che tutto il mondo dello sport italiano prenda le distanze da quanto accaduto.”

On. Daniela Sbrollini
Responsabile nazionale Sport e Welfare PD

Governo approva reddito di inclusione, passo decisivo per un Paese più equo e giusto

+++ APPROVATO REDDITO DI INCLUSIONE +++

On. Sbrollini (PD): “Governo approva reddito di inclusione, passo decisivo per un Paese più equo e giusto.”

29 agosto 2017

“Approvato il reddito di inclusione, frutto di un grande lavoro tra Parlamento e Governo per la tutela delle famiglie più fragili.
Finanziamento di 2 miliardi di euro l’anno, sostegno concreto per 660 mila famiglie, di cui 560 mila con figli minori. Ciò significa un assegno mensile di importo variabile dai 190 fino ai 485 euro per famiglia, definito in base alla condizione economica ed al numero dei componenti del nucleo familiare. Il provvedimento avrà effetto già dal primo gennaio 2018.
Un paese moderno e civile è un Paese che non lascia indietro nessuno. Questa è una nuova ed importante misura non “una tantum” ma un intervento strutturale che coinvolge tutti coloro che si trovano in povertà assoluta.E’ una grande operazione di ridistribuzione delle risorse pubbliche verso chi ne ha più bisogno, saranno privilegiati infatti i nuclei familiari meno abbienti e più numerosi. Sarà data priorità assoluta alle famiglie con figli minorenni o disabili, alle donne in stato di gravidanza o per i disoccupati over 55.
Per questi risultati e con questa filosofia hanno lavorato con grande sintonia Parlamento e Governo, a partire dall’inizio della legislatura. In particolare la mia commissione Affari Sociali e Sanità della Camera ha sempre fatto un grande lavoro per l’inclusione sociale, per il godimento reale dei diritti e per l’introduzione di nuove forme di sostegno per i soggetti più deboli. La speranza è quella di poter contribuire ulteriormente nel sostegno alle famiglie in difficoltà anche con la prossima legge di stabilità che approveremo in autunno.”

 

On. Daniela Sbrollini
Vicepresidente XII Commissione Affari Sociali e Sanità

Olimpiadi – On. Sbrollini (PD): “Persa un’occasione straordinaria, il NO per Roma solo ideologico”

2 Agosto 2017

“Parigi 2024, Los Angeles 2028. Queste le sedi olimpiche che seguiranno all’edizione dei Giochi di Tokyo. Le città hanno confermato la scelta e si sono accordate con il CIO per questa programmazione.
La candidatura di Roma 2024, che era partita in maniera straordinaria, poteva essere la grande svolta per la nostra capitale, per tutto il Paese ed in particolare per le sedi olimpiche. Era l’occasione di poter pensare e realizzare progetti di sviluppo urbano, di riqualificazione, per i trasporti, un rilancio generale dell’immagine di Roma nel mondo.

Il Governo Matteo Renzi ed il CONI, con il suo Presidente Giovanni Malagò , ci avevano creduto molto, avviando uno straordinario programma di idee ed investimenti. Ottimo il lavoro del comitato promotore, fino a quando ha potuto lavorare.
Invece il M5s ha voluto dire NO a prescindere. Un NO, ideologico, per paura, per mancato coraggio nel voler programmare e vigilare su un’occasione storica che avrebbe trasformato positivamente una città che appare immobile, ed in difficoltà. Con il NO alle olimpiadi di Roma 2024, il sindaco Raggi ha chiuso le porte a oltre 170 mila posti di lavoro, un piano rigenerazione delle periferie, opportunità per tutto il settore turistico e per il commercio. Chi ha deciso per il NO non ha compreso le ricadute positive di indotto ed immagine per la Città. 2 miliardi di euro sarebbero stati stanziati dal Comitato Olimpico Internazionale verso la nostra capitale.
Era inoltre la grande occasione per dare una scossa positiva a tutto il mondo dello sport italiano, un settore troppo spesso sottovalutato che rimane straordinario: sostenuto principalmente dal volontariato e capace di generare cultura, educazione, salute ed inclusione capillarmente in tutto il nostro Paese.

Le sfide, le opportunità, anche se difficili vanno colte ed affrontate, perché e sulle sfide impegnative che si misura la cifra di una classe politica e di una generazione. Ora nella sessione olimpica del prossimo settembre a Lima non resta che nominare la città che ospiterà la sessione CIO per il 2019, Milano è città candidata. Mi auguro fortemente che Milano possa ottenere questo risultato, con Expo ha dimostrato di saper ospitare i più grandi eventi mondiali.

Intendo proseguire questo mio incarico di responsabile sport collaborando con il Governo Paolo Gentiloni, il Ministro Luca Lotti, ed il Presidente CONI Malagò facendo squadra in vista dei grandi eventi internazionali già programmati in Italia, dagli europei di calcio, fino alla Ryder cup di golf. Tutte queste manifestazioni costituiscono una grande occasione di crescita economica, occupazionale e culturale per il nostro Paese.
In bocca al lupo al CONI ed a tutti i nostri giovanissimi atleti che sognano di arrivare a vincere medaglie olimpiche, ci regaleranno sicuramente grandi emozioni. Certo, in casa, avrebbero avuto tutto un altro sapore.”

On. Daniela Sbrollini
Responsabile dipartimento Sport PD

Fatti concreti – Tutto il lavoro del gruppo PD in questa legislatura

In questi quattro anni che cosa abbiamo fatto?
Ve lo raccontiamo con schede, sintetiche, chiare, che spiegano le scelte fatte, le leggi approvate. Fatti concreti, che cambiano la vita delle persone. Questo è stato il nostro lavoro di gruppo.

Dossier e approfondimenti

Rassegna stampa 1 Agosto 2017

Salute nelle città, il progetto arriva a Vicenza

Educazione sanitaria ed alimentare in tutti i programmi scolastici, sicurezza e stili di vita sani nei luoghi di lavoro, migliore accesso alle pratiche sportive e motorie per tutti i cittadini, secondo il principio dello «sport di cittadinanza», invecchiamento attivo, politiche di trasporto urbano orientate alla sostenibilità ambientale e alla creazione di una vita salutare, alleanza con università, aziende sanitarie, centri di ricerca, industria e professionisti volta a creare cabine di regia per lo studio e il monitoraggio dell’impatto dei determinanti della salute nel contesto urbano. Questi i principali temi al centro della piattaforma della mozione.
L’approvazione di questa mozione alla Camera dei deputati è stata un passo fondamentale per l’avvio di politiche concrete a sostegno della salute dei cittadini, definendo la linea politica del parlamento su questi temi. Ora con questo percorso nel Comune di Vicenza miriamo all’effettiva applicazione di tali contenuti sul territorio, perché i cittadini possano godere a pieno dei benefici.
Sono questioni chiave per la programmazione della vita della popolazione, la maggioranza della popolazione vivrà sempre più nelle aree urbane ed è necessario ora avviare politiche mirare al sostegno della salute e a garantire spazi per uno stile di vita sano ed attivo.
Stile di vita sedentario, obesità, crisi economica, sono elementi che caratterizzano già oggi la nostra società, e mettono da tempo serio rischio a salute dei cittadini del nostro Paese, penso in particolare per le fasce di popolazione più disagiate. Se a questo si unisce la carenza di spazi e strutture per tempo libero e sport a causa di ragioni ambientali e urbanistiche ecco che appariva necessario che il Parlamento, insieme ai comuni, intervenisse su questo tema. Vogliamo garantire in tutto il Paese standard di vita più elevati ai cittadini di oggi e di domani.
Questo documento sancisce finalmente le linee di una visione complessiva della questione per salute e lo sport nelle città. Un altro tassello per la riforma del nostro sistema di welfare: stiamo sostituendo pian piano una forma assistenziale di welfare, con un welfare invece generativo e partecipativo che si pone alla base di un nuovo patto sociale.
Il documento è stato promosso anche in sede di Parlamento europeo con l’Italia che è stata prima firmataria. Il tema della salute urbana è anche al centro di un progetto elaborato dall’ANCI con il sostegno di esperti operanti nei settori della salute, dell’ambiente e dell’urbanistica. Alla stesura del documento hanno collaborato anche il CONI, diverse Università, istituti di ricerca, fondazioni e associazioni.
Sono davvero felice di poter presentare questa mozione nella mia città subito dopo l’approvazione in Parlamento, qui a Vicenza nel prossimo ottobre si terrà l’assemblea ANCI che avrà proprio all’ordine del giorno i temi del welfare, della salute e dello sport.

 

On. Daniela Sbrollini

Basket – On. Daniela Sbrollini: “Condanna per il gesto di Danilo Gallinari, ci rimette tutta la nazionale ed il movimento”

Roma, 31 Luglio 2017

🏀 “Non posso che condannare il gesto violento di Danilo Gallinari nel match dell’ItalBasket in scena a ieri sera a Trento. Il pugno all’avversario olandese, violento ed inspiegabile, è ancor più ingiustificabile poiché commesso da un grande ed esperto campione del basket mondiale.
I giocatori di pallacanestro, soprattutto quelli della nazionale italiana, ma come tutti gli atleti professionisti, sono anche dei grandi esempi per i giovani. Per Gallinari l’onore di vestire la divisa della nazionale e la professionalità espressa da alcuni anni nell’NBA deve necessariamente fare pari con l’attenzione al proprio comportamento, soprattutto in campo. L’esempio educativo che il mondo sportivo professionistico rivolge intenzionalmente e non, a tutto il settore giovanile è enorme. Danilo Gallinari è stato in tutti questi anni di attività un esempio positivo della pallacanestro italiana, lo è stato certamente molto meno ieri dove un attimo di follia é costato caro a lui e all’Italia, le immagini hanno già fatto il giro del mondo.

La colpa più grande infatti non è semplicemente quella di aver reagito in maniera violenta, ma anche quella di aver dovuto lasciare il campo anticipatamente per l’espulsione compromettendo contemporaneamente la sua partecipazione al campionato europeo di settembre a causa dell’infortunio che dal gesto è conseguito. I campionati europei sono l’obiettivo stagionale agonistico più importante per la Federazione, e ora il team azzurro dovrà fare a meno della sua ala più importante.
In bocca al lupo a Diego Flaccadori che si inserirà tra gli azzurri da oggi e a tutta la nazionale italiana. Questo episodio non deve assolutamente compromettere l’attenzione e l’impegno di tutto il gruppo in vista dei campionati europei, forza azzurri!”

On. Daniela Sbrollini
Responsabile dipartimento sport PD

Link consigliati

News in Pillole